Il piccone dorato

Scritto da Frieda Farnetti | 18 maggio 2019 | Categoria: Fiaba e favola

imagesC’era una volta, nel paese degli gnomi, uno gnomo di nome Sorok che
faceva il minatore, facendo molta fatica.
Un giorno, però, scoprì da qualche parte in un monte lontano, che si nascondeva un piccone dorato,che chiunque lo usasse sarebbe stato più veloce a fare il minatore, e che chi avesse provato a prenderlo sarebbe morto, ma la cosa non lo spaventava per niente. Dopo qualche giorno arrivò alla montagna.
Ad un certo punto gli apparve una fata, che gli svelò che prima della Grotta dove c’era il piccone c’era un mutaforma alto sei metri.
Sorok continuò a camminare, fino a quando non arrivò al mostro mutaforma.
Lui era molto forte, infatti Sorok si stava per arrendere, ma in quel momento arrivò il fratello di Sorok, cioè Lukuv, e con la sua spada uccise il
mutaforma. Lukuv disse a Sorok che sapeva tutto, e che lo voleva aiutare, così Sorok prese il piccone dorato, ma suo fratello glielo rubò di mano e scappò.
Sorok si mise su una pietra a piangere, ma comparve la fata che gli disse che il vero tesoro non era il piccone dorato, ma la grinta che aveva nel
Cuore, e dopo scomparvero lei e, senza che se ne accorgesse, il piccone che aveva in mano suo fratello mentre stava correndo.
Sorok non dimenticò mai quelle parole, e visse per sempre felice e contento.

Matteo

Ecco qui un gioco:

gioco il piccone dorato

Vuoi lasciare un messaggio? → 72 letture

Scrivi il tuo messaggio